La creazione di un sito Web spesso porta tanti dubbi soprattutto se non si hanno troppe conoscenze di internet.

Facciamo un pò di ordine per capire cosa vogliamo realizzare.

Molti anni fa, quando il web era all’inizio, tutto il codice veniva scritto a mano dai pochi guru che avevano imparato il linguaggio di programmazione html prima e php poi, e si occupavano di ogni sfaccettatura del sito; sviluppo, ottimizzazione grafica, ottimizzazione dei contenuti, ecc, ecc.. Erano i famosi Webmaster, i primi maestri. Attualmente le varie attività vengono svolte da figure formate per ogni singolo settore, ma di questo ne parleremo in modo approfondito con un altro articolo.

Lo sviluppo si un sito oggi è semplificato grazie a strumenti sempre più efficaci e alla portata di chiunque desideri cimentarsi in questo campo. Ma ci tengo a precisare, sapersi costruire un proprio sito non ha nulla a che vedere con lo sviluppo professionale di una piattaforma pensata per grandi aziende, dove la necessità di competenze specifiche di persone qualificate è necessaria.

Ritornando al nostro inizio, cerchiamo di fare ordine. La prima cosa da fare e chiarirsi bene le idee e decidere cosa si vuole realizzare. Le possibilità sono tantissime e vanno dal semplice blog, passando da un sito aziendale fino ad un e-commerce che vende, tutti perfetti e funzionali.

Quindi, prima di mettersi a scrivere qualche riga di codice o installare uno dei tanti CMS (Content Managment System), facciamo una cosa molto semplice, quasi banale… prendiamo un block notes e iniziamo a scrivere di pugno quello che vorremmo creare.

Sulla nostra pagina, la prima cosa da annotare risponde alla domanda: Cosa voglio fare con il mio sito?

Ecco alcune possibili risposte:

  • un blog personale;
  • Informazione;
  • mi serve una vetrina per la mia azienda;
  • voglio vendere dei prodotti;
  • voglio vendere dei servizi.

Alla base di tutto c’è appunto la scelta che si fa rispondendo alla domanda precedente, infatti da ciò che si decide può dipendere tutta la struttura realizzativa.

Per farvi capire meglio, se voglio un sito di informazione devo orientarmi nella scelta di alcuni strumenti che mi consentono di creare una piattaforma impostata solo per scrivere e pubblicare articoli, non certo per vendere prodotti. Quindi la scelta sarà anche orientata per ottimizzare al meglio il mio sito e mostrare bene i miei contenuti, articoli e immagini correlate.

Diamo quindi una letta ai nostri appunti e da questo momento capiamo come ci dobbiamo muovere per costruire il nostro bel sito web.

Sicuramente per costruirlo useremo un CMS, semplici da installare e utilizzare, ne esistono tanti e molti sono simili, tra di essi varia solo il codice con cui è stato sviluppato e il supporto che fornisce lo sviluppatore.

Per scegliere il nostro CMS ci orientiamo in questo modo (citerò solo alcuni dei più importanti e diffusi):

Joomla: Usato per creare siti aziendali, siti di informazione e blog e piccoli ecommerce, questo è il mio preferito. Tra l’atro è presente in Italia una grande community molto attenta che offre anche un supporto per gli eventuali problemi dovessero presentarsi durante lo sviluppo. Leggi anche Che cos'è Joomla;

Drupal: Usato per siti di grandi dimensioni e contenuti, ottimo per siti aziendali, informazione. Non ci sono molti utenti in Italia ma la community è in continua crescita;

Wordpress: Semplice ed intuitivo come Joomla, ottimo per la realizzazione di piccoli siti, molto utilizzato per blog e siti di informazione, con alcune estensioni anche per piccoli e-commerce. Leggi anche  Che cos'è Wordpress;

Magento CE: Quando si parla di e-commerce siamo sul livello più alto in assoluto, sviluppato da una società che fa capo a ebay, offre moltissime funzioni di base e senza aggiungere alcune estensione consente di avere un negozio capace di gestire un numero enorme di prodotti anche con strutture complesse. Dotato di metodi di pagamento e gestione dei costi di spedizione. Adatto per grandi negozi online e per chi vuole un sistema completo. Leggi anche Che cos'è Magento;

Prestashop: Altro CMS dedicato esclusivamente all’e-commerce con sviluppo in Francia, potenzialmente pari a Magento, offre la possibilità di gestire i prodotti da vendere con molta semplicità ed è completo di funzioni pari all’antagonista americano.

La scelta del CMS influisce anche sulla scelta del servizio Hosting dove ospitare il sito. Poiché per ogni sistema varia il codice di programmazione, la necessità di avere un server ottimizzato per tipo di CMS diventa una scelta IMPORTANTISSIMA, ciò per evitare di incorrere poi in problemi di natura tecnico/funzionale.

In Italia ci sono moltissime aziende che offrono servizi di hosting, sia low cost accessibili a tutti e sia per grandi progetti.

Parlerò meglio dei vari hosting in un articolo dedicato, per ora ne cito solo alcuni medio piccoli adatti a tutti i tipi di CMS:

iltuohosting.it ottimo per ogni tipo si sito anche e-commerce, con differenti soluzioni. Lo preferisco per versatilità e autonomia di gestione;

tophost.it adatto per piccoli siti e blog costo annuo basso;

aruba.it offre diverse soluzioni per ogni tipo di esigenza, i servizi base hanno un costo accessibile e sono di buona qualità, per alcuni servizi serve il supporto.

Come hai potuto leggere di informazioni per iniziare il tuo progetto web in questa pagina ne sono tante, per ora ti lascio a questo primo step. Ma se vuoi altre info, e proseguire il tuo percorso leggi questo articolo.

 

 

 

What's hot?
Giulio Orsi
Autore: Giulio OrsiWebsite: https://www.capyslab.com
Qualche info di me:
Sempre attento alle novità teconologiche, appassionato del web e develop web. Mi diverte anche imparare e sperimentare la SEO e Web Marketing. Oltre questo, adoro i viaggi e il cibo, condivido molto sul mondo della cucina con il mio primo blog: BlogOso.it
Altri blog